Silvio Berlusconi, 40 anni di conflitto d’interessi – EMITTENTI

A tutto ciò che leggerete nel link qui sotto aggiungerei altri casi di conflitti di interesse che si è fatto finta di non vedere, specie a sinistra poiché erano due suoi esponenti a essere coinvolti. Il primo caso è quello di Vittorio Cecchi Gori che per due legislature è stato senatore della repubblica in quota Partito Popolare, prima nel Patto per l’Italia di Segni (poi passato a sostenere Dini) e poi nell’Ulivo. Pur non avendo mai ricoperto incarichi di governo, la sua posizione di parlamentare, a mio modesto parere strideva con la proprietà della Cecchi Gori Comunication, titolare della omonima casa di produzione cinematografica (che ha preso fondi dal Fus) e delle reti televisive Tmc e Tmc2 (oggi La7). Chiaro conflitto di interessi, ma facciamo finta che non esista. L’altro caso è quello di Renato Soru, per cinque anni presidente della regione Sardegna in quota centro sinistra (e a un passo da diventare leader PD nel 2009) e patron del colosso informatico Tiscali. Seppur regionale il conflitto c’è. Per tacere di Riccardo Illy, padrone della nota industria del caffè, che per cinque anni è stato presidente del Friuli Venezia Giulia sempre in quota centro sinistra. Non si occupava di mass media, ma il conflitto comunque c’era, perché il presupposto dovrebbe essere uno: o si fa politica o si fa impresa.

Silvio Berlusconi, 40 anni di conflitto d’interessi – EMITTENTI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...