Il solito sospetto(so)

Sarò sospettoso, ma a me il binomio Tavecchio- Conte non mi convince. Mi sa di solita sceneggiata italica. Tavecchio è la vittoria del “sistema” ma Albertini sarebbe stato, al pari di Renzi per la politica, solo un cambio di facciata. C’è poco da fare, il calcio si conferma lo specchio del paese, la conservazione della conservazione, cambiare tutto perché nulla cambi. La scelta di Conte pare poi un copione già scritto, le sue dimissioni dalla Juventus (e la scelta di Allegri conseguente) sapevano di farsesco e la sua scelta fa il paio con l’ostruzionismo a Tavecchio capitanato da Agnelli. In … Continua a leggere Il solito sospetto(so)

Saluto a Robin Williams

Passo davanti a un televisore e rivedo la fine de “L’Uomo Bicentenario”. Mi si stringe il cuore, non solo per il film in se, ma anche per l’uomo, l’attore, che non c’è più, distrutto dalla depressione, incapace di ancorarsi a quella voglia di vivere che ci aveva trasmesso coi suoi film. Non ha retto, al pari dello studente suicida de “L’attimo fuggente”, ha ringraziato e ha preso la porta, nel modo in cui tutti meno se lo aspettavano. Quel sorriso malinconico, quella incredibile versatilità. Uno non pensa a quanto un attore è passato nei suoi occhi, a quanto i vari … Continua a leggere Saluto a Robin Williams

A volte ritorno

C’eravamo lasciati coi campioni del mondo della Germania Merkeliana, multietnica e perfino simpatica. Da qualche giorno sono tornati gli spunti per scrivere, dopo lo stop apatico dovuto alla perdita di motivazione a seguito della decisione dell’editore Modena Capitale Mediagroup di cessare le pubblicazioni del quotidiano Modena Qui. Continuo a fare il corrispondente per Tv Qui ma con meno frequenza perché non ho dimestichezza coi media televisivi. In altre parole, devo imparare e farò passare l’estate (o per lo meno agosto, visto che la stagione si fa attendere) e in autunno mi auguro di postare le mie corrispondenze video dall’Appennino modenese. … Continua a leggere A volte ritorno